Ohana è un’avventura che nasce all’inizio del 2011 dal desiderio di alcuni giovani professionisti di ritagliarsi un terreno indipendente nel panorama del cinema e della tv, e per dare spazio alla loro creatività.

La società si fa presto notare per la capacità di realizzare prodotti digitali low budget ma attenti alla qualità, puntando su innovazione di contenuti e linguaggi e crossmedialità.

Nel 2011 produce e realizza la serie di documentari “ritratto”, Jazz do it.

Nel 2013, co-produce il film documentario Strip Life, premiato al Torino Film Festival 2013.

Sempre nel 2013, realizza, per conto della Sovrintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, un APP PER MOBILE – con relativi contenuti video – dedicata alle Case Giardino, uno dei nuovi itinerari di visita del complesso archeologico di Ostia antica.

Nel 2014, produce il cortometraggio di Marco Giallonardi L’uomo che tornò bambino, col sostegno e il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – DG Cinema e il patrocinio del Comune di Frascati.

Nel 2015 realizza, per conto di Eutheca – European Union Accademy of Theatre and Cinema, l’adattamento televisivo dello spettacolo teatrale da Pene d’amor perdute di W. Shakespeare, con la direzione teatrale di Federica Tatulli, e la regia video di Dimitri Sassone.

Nel mese di luglio del 2015 gira il corto Fatti osceni in luogo pubblico, scritto e diretto da Stefano Viali (già David di Donatello nel 2005 per il corto Lotta libera). Il film, girato a Trieste, ha ottenuto il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – DG Cinema, del NUOVO IMAIE e della FVG Film Commission.

Al contempo, sta realizzando una seconda APP per mobile su Villa Adriana a Tivoli, grazie al contributo europeo erogato da Lazio Innova, nel contesto del POR-FESR 2013.

Collabora, tra l’altro, con Classica (Sky ch. 131), Repubblica TV, Corio Italia, ArsLabOnStage, L’Università La Sapienza di Roma, Earth Day Italia…